Secondi piatti

Arista di maiale all’aneto… Eccomi nuovamente qui!

Eccomi nuovamente qui!!!… Questi giorni di assenza, per un motivo valido o perlomeno valido per lei… la tecnologia, che mi ha abbandonata… Sarà stato l’avvicinarsi del mio trentunesimo compleanno ma tutto quello che è tecnologia… mi si è rivoltato contro! Macchina fotografica, telefono e PC… Inutilizzabili! Ma io sono determinata, non mi farò fermare da tutte queste “avversità”, perché voglio pubblicare questa mia ricetta… l’arista all’aneto…. Si proprio lei, quella dalla carne stopposa, ma vi posso assicurare che è rimasta morbidissima… da provare.

Ingredienti:

– arista di maiale;
– fettine di pancetta fresca di maiale q.b.;
– lardo q.b.;
– sale, pepe, aneto, olio evo q.b.;
– vino bianco secco un bicchiere

Massaggiare la carne con l’olio, poi passarla in una miscela di sale, pepe e aneto.
A questo punto avvolgere con le fette di pancetta l’arista (potete anche usare solo lardo) e legare con lo spago da cucina.
Mettere la carta da forno in una teglia e deporre l’arista, infornare a 180° in forno pre-riscaldato. Dopo una decina di minuti versare il vino. Procedere con la cottura aggiungendo via via poca acqua se necessario e bagnando spesso con il sugo che si formerà, fino a cottura ultimata. I tempi di cottura dipendono dalla pezzatura della carne, l’importante però è tenere sempre umida l‘arista. La mia pesava circa 600 gr. ed ha cotto per circa 35/40 minuti.

Servire calda con delle patate al forno e dell’aneto. 

CURIOSITA’:

Arista è semplicemente come in Toscana chiamano il carrè di maiale parzialmente disossato e cucinato intero al forno. Si racconta che questo piatto abbia cambiato il suo nome nel 1430 durante un Concilio tenuto a Firenze a cui partecipavano anche dei prelati della Chiesa Greca. Ad una cena fu servita questa pietanza, che riscosse un grande successo tra i greci, i quali iniziarono a dire “àrista, àrista”, cioè “ottima, ottima”.

Il sommelier consiglia: Vino Nobile di Montepulciano

You Might Also Like

27 Comments

  • Reply
    Simona Roncaletti
    3 dicembre 2013 at 7:19

    Michy sai che ha un aspetto proprio invitante? Non ho mai assaggiato l'aneto e m'incuriosisce tantissimo!:)
    Un bacione cara! Buona giornata!

    • Reply
      atuttopepe
      3 dicembre 2013 at 20:42

      Simo mi piace molto il sapore dell'aneto… Delicato e nello stesso tempo saporito!…
      Un abbraccio

  • Reply
    giochidizucchero
    3 dicembre 2013 at 8:06

    Carissima, rieccoti!!!! Da assaggiare questa tua arista, se dici che resta morbida ti credo! Bacioni

  • Reply
    Marina
    3 dicembre 2013 at 9:06

    Mi butterei a capofitto su questo piattino succulento… Adoro l'uso sapiente che fai delle spezie.
    Buona giornata!

    • Reply
      atuttopepe
      3 dicembre 2013 at 20:44

      Oltre ad avere un blog interessantissimo sei veramente gentile!!!
      Un bacione Marina!

  • Reply
    valentina riboldi
    3 dicembre 2013 at 10:51

    buona l'arista mette un gran appetito e quella pancetta croccante mmmm me gusta 😀
    un bacione e bentornata 😀

    • Reply
      atuttopepe
      3 dicembre 2013 at 20:44

      Ihih grazie mille Vale!
      Un abbraccio!

  • Reply
    Anna Luisa e Fabio
    3 dicembre 2013 at 11:42

    Ormai siamo dipendenti dalla tecnologia e per fortuna oggi abbiamo almeno una laternativa per ovviare ad eventuali problemi. Bellissima questa arista all'aneto, non li ho mai provati in abbinamento, ma è intrigante.

    fabio

    • Reply
      atuttopepe
      3 dicembre 2013 at 20:46

      Veramente, per fortuna!… Sono contenta ti sia piaciuta questa ricetta… Io adoro l'aneto…
      Buona serata, Michela

  • Reply
    Barbara G
    3 dicembre 2013 at 12:09

    Bella!!!! Mi piace questa idea.. ho un conto in sospeso con l'arista.. qualche tempo fa ho provato la versione al latte.. ma l'ho fatta brucciacchiare e della cremosità el latte non è rimasto praticamente nulla.. 🙁 Proverò con la pancetta.. sarà magari la volta buona!!!
    A presto, bacio..
    Barbara

    • Reply
      atuttopepe
      3 dicembre 2013 at 20:48

      Hai ragione, l'arista inganna… Sembra così facile prepararla… Ma la maggior parte delle volte risulta stopposa… Questa e' un'alternativa facile e di sicuro successo!
      Un bacione Barbara!

  • Reply
    Any
    3 dicembre 2013 at 12:50

    Ciao Michela! Io adoro l'aneto, lo metto nelle polpette, nella pasta al salmone e in tante altre preparazioni, ma l'arista con l'aneto non l'ho mai provata! Grazie mille per questa idea fantastica!

    • Reply
      atuttopepe
      3 dicembre 2013 at 20:49

      Tu hai dato un'idea meravigliosa a me… Nelle polpette! Da provare assolutamente!
      Un bacione

  • Reply
    conunpocodizucchero Elena
    3 dicembre 2013 at 14:02

    l'importante è che tu sia tornata Michela! e che bel rientro! 🙂

    • Reply
      atuttopepe
      3 dicembre 2013 at 20:49

      Grazie mille Cara Elena! Un bacio

  • Reply
    Lauradv
    3 dicembre 2013 at 15:29

    Ha un aspetto veramente squisito!

  • Reply
    Annalisa B
    3 dicembre 2013 at 16:18

    Golosissimo Michela! ;-9
    Sono contenta che sei tornata!!!
    Ti mando un bacione
    Annalisa

    • Reply
      atuttopepe
      3 dicembre 2013 at 20:52

      Tecnologia permettendo…. 🙁
      Un bacione cara!

  • Reply
    Letizia Cicalese
    3 dicembre 2013 at 17:36

    oh che goduria per gli occhi e non solo ovviamente! sarà stata favolosa di sicuro 😉
    un bacione cara!

    • Reply
      atuttopepe
      3 dicembre 2013 at 20:54

      Come sei cara Letizia!!!…. Un bacione

  • Reply
    Flavia P
    4 dicembre 2013 at 6:39

    Michela ti sei superata!!! è un piatto strepitoso nella preparazione e nella presentazione!! bravissima!!

  • Reply
    Valentina
    4 dicembre 2013 at 11:17

    Ciao Michela, bentrovata! 🙂 Mi dispiace per i problemi con la tecnologia… io sono proprio anti tecnologica, quindi quando capitano cose del genere non so dove mettere le mani e vado in tilt! Ad ogni modo, spero che ora sia tutto risolto! Adoro l'arista e la tua è invitantissima, che fame mi è venuta 😛 Complimenti e un forte abbraccio, buona giornata :**

  • Reply
    Anonimo
    4 dicembre 2013 at 21:58

    Sei un mito,gran bel piatto e abbinamento…..da paura è uno dei miei vini preferiti.
    Ah dimenticavo,grazie anche per la lezione di storia

  • Reply
    Chiara DAcunto
    6 dicembre 2013 at 4:45

    Che buon piatto! Sono passata di qui per caso ma non posso fare a meno di registrarmi tra i tuoi lettori per non perdermi altre delizie simili! Buona giornata!

  • Reply
    Anonimo
    6 dicembre 2013 at 16:09

    Ciao Micky piatto interessante!
    Ne approfitto hai già qualche idea da suggerire per il menu di natale? Qualcosa che faccia effetto, ma senza impazzire visto che la tavolata sara più o meno di 12 persone. ….intanto ho già visto qualche tua ricetta pubblicata…
    Grazie un bacione 🙂

  • Leave a Reply

    CONSIGLIA Millefoglie di riso gamberetti e zucchine